Occhiali da Vista Etnia Barcelona Arnhem 15 LEBE 8uJ519

SKU53767999
Occhiali da Vista Etnia Barcelona Arnhem 15 LEBE 8uJ519
Occhiali da Vista Etnia Barcelona Arnhem 15 LEBE
Come essere recensiti
vedi tutte

Luca Carboni

Sputnik

Cantautore, Pop

Stella Diana

57

Shoegaze, New-Wave

Iacampo

Fructus

Ritmi, Pop, Cantautore
vedi tutte
Occhiali da Vista Roberto Cavalli RC 5040 COZZILE 052 NcTYWRH
vedi tutte
Saphira Vintage eyeglasses occhiali da vista 4130 43 OPTYL Gold Red oh1KXqVE
vedi tutto
vedi tutto
vedi tutto
vedi tutto
vedi tutto
Cerca concerti su band, locali, città, festival
vedi tutti
vedi tutti
vedi tutte le 28499 band
Occhiali da Vista SmartBuy Collection Elias C 693 ydl6MlWN0
vedi tutto

Gnut

Hear my voice

Cantautore, Pop

Iacampo

Fructus

Ritmi, Pop, Cantautore
vedi tutte
vedi tutte
Occhiali da Vista Dior MONTAIGNE 25 SFN 8psRoR
SUNGLASSES Unisex Adulto Washington Occhiali da sole Argento Silver 002 47 xVd5Y9L
vedi tutti
Carve Tijuana Occhiali da sole cPBC5sPm
Occhiali da Vista Dolce amp; Gabbana DG 3292 502 TgoYFl0

Un giorno, abbiamo trovato sulla pagina facebook di Claudia Souza il link a questa intervista ad Antonio Rodríguez Almodóvar* , sul tema delle fiabe, rilasciata a Sandra Penelas e pubblicata sul sito del giornale La Opinión - A Coruña , il 7 marzo 2015 . Non conosciamo lo spagnolo, ma da quel poco che abbiamo letto, abbiamo capito che si trattava di parole importanti, fondamentali. Da lì, il desiderio di tradurre e pubblicare l'intervista sul nostro blog , per farla conoscere al pubblico italiano e ai nostri lettori. Così abbiamo contattato Claudia e le abbiamo chiesto se secondo lei questo sarebbe stato possibile. Grazie alla sua risposta, e a Yolanda Reyes, Ana Garralón e a Pablo Cruz della casa editrice Anaya, ci siamo messi in contatto con Antonio Rodríguez Almodóvar che ha mostrato grande entusiasmo e disponibilità verso la nostra proposta, accordandoci il permesso di pubblicare l'intervista. Oggi siamo onorati e orgogliosi di pubblicarla. La traduzione è di Lisa Topi. Grazie a Claudia Souza per averci dato modo di conoscere il lavoro di Rodríguez Almodóvar e grazie a Rodríguez Almodóvar per la generosità con cui ha accolto la nostra richiesta.

La mente dei bambini chiede il conflitto e la fiaba non li traumatizza: li prepara alla vita. “Non disprezziamo mai l’intelligenza dei bambini, la morale della favola non serve”.

*Autore di oltre cinquanta pubblicazioni, Rodríguez Almodóvar, è autore di un’imponente opera di recupero delle fiabe popolari spagnole. Una delle sue raccolte, più volte ristampata dal 1985, ha già raggiunto cinque milioni di copie. Ieri [06/03/2015 NdT], ospite delle Giornate Internazionali della Letteratura per l’Infanzia e per Ragazzi [dell’Università di Vigo, in Spagna NdT], lo studioso è tornato a rivendicare l’importanza della narrazione che, nei secoli, ha svolto un ruolo essenziale per l’umanità.

Lei ha sempre difeso i valori pedagogici della fiaba popolare eppure, negli ultimi tempi, sono emerse voci critiche nei confronti delle fiabe, che trasmetterebbero stereotipi sessisti o sarebbero troppo drammatiche per i bambini. Non sono d’accordo. Tutto dipende dalla versione di cui si parla. Io cerco sempre di recuperare le versioni della tradizione orale perché sono quelle che in maggior misura racchiudono dei valori. Se togliessimo la seconda parte da La Bella Addormentata , rimarrebbe un racconto piuttosto insulso di una principessa condannata a un dormire fin quando non riceverà il bacio di un principe azzurro. Poi, però, lei si trova ad affrontare delle prove difficili, quando lui va in guerra e la lascia in balia di una suocera edipica che divora i nipoti. La gente dirà che così è ancora peggio. [risate] La verità è che occorre partire da una base più solida per analizzare le fiabe. Esse hanno un valore simbolico e rappresentano altro da ciò che raccontano: il dolore, il male gratuito, la mancanza di protezione dei bambini... Il contrasto mentale tra quello che il bambino ascolta e quello che vive è l’aspetto più importante, perché si sentirà protetto dalla sua famiglia e rafforzerà la sua posizione nel mondo. Si tratta di un meccanismo simbolico della mente, sul quale sono stati condotti numerosi studi comparativi.

Biancaneve Tre Porcellini

“Quando ero un bambino volevo diventare un architetto, e ora che sono un architetto a volte vorrei tornare a essere un bambino.

Leggi anche

Media 26Giu
No, Papa Francesco non ha dato l’immunità diplomatica a un prete pedofilo per evitargli la prigione
Design 25Giu
Ecco il nuovo Sberbank Technopark di Mosca disegnato da Zaha Hadid Architects
25Giu
Design per gatti

L’idea alla base di Architale è di trasformare gli edifici in oggetti narrativi, in un esercizio sensoriale in cui ogni dettaglio è un piccolo particolare che rivela informazioni sulla trama e sui protagonisti delle diverse favole”.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Occhiali da Vista Guess GU 1943 097 j8TzqwCvb

TOPIC

Lascia il primo commento
This opera is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License .
Play Video
Unmute
Current Time 0:00
Duration Time 0:00
Loaded : 0%
Progress : 0%
Stream Type LIVE
Remaining Time -0:00
Share
1
Audio Track
Fullscreen

This is a modal window.

: MEDIA_ERR_SRC_NOT_SUPPORTED
No compatible source was found for this media.
Close Modal Dialog
Captions Settings Dialog
Beginning of dialog window. Escape will cancel and close the window.
guarda su CNLive
Torna al video originale
Close Modal Dialog

This is a modal window. This modal can be closed by pressing the Escape key or activating the close button.

Restart
Share
Close Modal Dialog
19Giu
Così l’AI ci sta aiutando a scoprire nuovi materiali alla velocità della luce

Database, algoritmi potenti, machine learning: scoprire – anzi, prevedere – le proprietà di neomateriali senza...

Lei ha sempre difeso i valori pedagogici della fiaba popolare eppure, negli ultimi tempi, sono emerse voci critiche nei confronti delle fiabe, che trasmetterebbero stereotipi sessisti o sarebbero troppo drammatiche per i bambini.

Crede che ai bambini sia comunemente riconosciuta una capacità inferiore di distinguere la vita reale dalla fantasia per via di un atteggiamento politicamente corretto che, oggi, invade tutti gli ambiti?

La storia di , che, prima che il sistema di trasmissione orale scomparisse, nelle veglie domestiche delle famiglie spagnole era conosciuta come , ti dice che un giorno o l’altro dovrai andartene di casa, per cui tanto vale che tu sappia che la vita è un cammino arduo. Ma anche che puoi farcela. È un messaggio simbolico che fa sì che il bambino si prepari all’avventura della vita e non creda che sia un percorso tutto rose e fiori. È uno dei problemi della società odierna, i bambini vivono in una campana di vetro fino all’età adulta. E così l’incontro con la vita diventa uno scontro, uno shock brutale. Ritrovarsi improvvisamente nella selva della vita senza possedere gli strumenti necessari per orientarsi è molto peggio che ascoltare una fiaba.

C’è posto per la fiaba in un mondo digitale come quello di oggi? Io credo di sì. Il problema delle versioni digitali è che tendono a semplificare troppo le storie. La struttura narrativa deve includere un conflitto iniziale importante, uno sviluppo sotto forma d’intreccio e un finale coerente. È grazie a ciò se la storia, oltre a fornire al bambino una visione del mondo, può aiutarlo a costruire una propria struttura mentale. L’aspetto più importante delle fiabe, ancor più dei valori che trasmette, è che la sua struttura interna facilita la costruzione dell’architettura mentale del bambino. Machado, uno dei miei autori preferiti, diceva che l’essenziale è formare bene la capacità di comprendere.

Da cui l’importanza di avere a disposizione le fiabe sia a casa sia a scuola. Certo, e che gli insegnanti le raccontino con trasporto perché il valore affettivo è decisivo affinché ci si concentri sulla storia e la mente si senta confortata. Il ha fatto disastri e costretto le case editrici a pubblicare delle fiabe mal costruite, se non delle porcherie, da cui oggi siamo invasi. Devo spezzare una lancia a favore degli illustratori spagnoli perché tra di loro ci sono persone davvero straordinarie. Poi, però, appena leggi la storia ti domandi se mai succederà qualcosa. Non è giusto. La mente del bambino chiede altro, un conflitto! Come si può pensare che possa essere traumatizzato? È tutto il contrario. Senza un referente simbolico grazie al quale capiscano da soli che le difficoltà esistono, i bambini cresceranno in un mondo ovattato, dove è legittimo pensare che tutto sia semplice. L’indottrinamento non funziona con i bambini, per stimolare la comprensione del mondo in tutta la sua durezza servono delle fiabe ben scritte.

Ana María Matute, che l’ha soprannominata il terzo fratello Grimm, ha sempre rivendicato la qualità letteraria delle fiabe. Sì, oltre che ben costruita, la fiaba è bella e apporta un valore importantissimo. Il valore estetico della vita e della vita letteraria non si acquisisce da un giorno all’altro, è una costruzione che richiede pazienza perché si radichi profondamente in noi il desiderio della buona letteratura. E con le storie da quattro soldi questo non avviene. Manca nella letteratura per l’infanzia e per ragazzi una critica seria ed è triste che questa sia solo una disciplina facoltativa nel percorso di formazione degli insegnanti. Dovrebbe comparire tra i fondamentali ai quali è riservato un corso annuale.

I bambini che oggi leggono e apprezzano le fiabe sono i lettori del futuro? Certamente. O i non lettori, perché la passione per la lettura si alimenta solo con le belle storie. Una volta, esistevano decine di fiabe da raccontare nelle veglie domestiche e ogni famiglia ne aveva una preferita che aiutava a rafforzare il senso del gruppo. C’è chi mi ha ringraziato più volte per aver riportato alla luce la fiaba di suo nonno, della quale non aveva mai più trovato traccia, e poi mi ha detto che la storia non era così come l’avevo raccontata. Non disprezziamo mai l’intelligenza dei bambini, per favore. Devono pervenire a una buona strutturazione mentale ed è necessario che siano loro stessi a interpretare e dedurre. Diamogli tempo, non c’è fretta. La morale della favola non serve. Ana María Matute era un’acerrima nemica della morale della favola. Diceva sempre che i bambini non sono stupidi. Limitiamoci a raccontare la fiaba e basta. Il contrario sarebbe offensivo e irrispettoso delle grandi capacità dei bambini.Il bosco dei sogniLa vera storia di Cappuccetto Rosso

tags:
fiabe
interviste
Rodríguez Almodóvar

Dai nostri blog

Atti di denigrazione Dumping Storno di dipendenti: settori liberalizzati

Redazione

Facebook Twitter Google+ LinkedIn

Resta aggiornato

Info

Contatti

SviluppoManageriale è un portale realizzato da: MLC Consulting SRL Sede Legale: Via Stilicone 12 20154 Milano Tel: +39 02 33220352 Fax: +39 02 73960156 contatti@sviluppomanageriale.it

Chi Siamo

SviluppoManageriale vuole essere uno strumento di diffusione delle conoscenze relative alla gestione aziendale (Marketing, vendite, sviluppo delle Risorse Umane, supply chain e controllo di gestione) e un punto di incontro tra diversi attori ...

© SviluppoMangeriale è un marchio di MLC Consulting Srl | Via Stilicone 12 - 20154 Milano - Tel. +39 02.3322.0352 - Fax +39 02.7396.0156 - P.IVA 04914830965 | contatti@sviluppomanageriale.it Credits

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.
A tale proposito se hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email all’indirizzo contatti@sviluppomanageriale.it
In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.Sviluppomanageriale.it . A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell’utente.

COOKIE LAW

1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell’utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.

2) A cosa servono i cookie?

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l’accesso e la fruizione del sito da parte dell’utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.

4) I cookie Analytics sono cookie tecnici?

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se “utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.”

5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cokie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.

6) È necessario il consenso dell’utente per l’installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l’installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell’utente solo dopo che quest’ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.

7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che nel momento in cui l’utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l’informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull’uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.

8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell’utente come potrebbe essere un click.

9) Che indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve contenere l’informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all’utilizzo dei cookie di profilazione.

10) Come tenere documentazione del consenso all’uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell’utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.

11) Il consenso all’uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L’uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all’utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.

13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.

14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all’interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browser, Internet Service Provider (ISP), data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell’utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all’identità dell’utente.
Cookie: www.Sviluppomanageriale.it usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall’utente eper personalizzare il contenuto della pagina web in basa al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che appunto tale browser invia.
Cookie DoubleClick DART: tale cookie è stato introdotto da Google cinque anni fa e serve per pubblicare annunci su www.Sviluppomanageriale.it in modo da mostrare all’utente della pubblicità più mirata in base alla loro cronologia. Gli utenti possono accettare tale cookie oppure disattivarlo nel loro browser visitando la pagina Privacy e Termini. Ulteriori informazioni sulle tipologie e sull’uso che fa Google dei cookie con finalità pubblicitarie possono essere trovate nella pagina web dei Tipi di cookie utilizzati. Anche alcuni partner pubblicitari di Google Adsense possono usare cookie e Web Beacons per tracciare gli utenti.

Cookie di Facebook: Questo sito ha alcuni plugin di Facebook che possono tracciare il comportamento dei lettori. Per avere maggiori informazioni in mertito si può consultare la pagina per la Politica della Privacy di Facebook .

In questo blog hanno accesso server di terze parti o di rete pubblicitarie che usano tale tecnologia per inviare gli annunci nel tuo browser attraverso www.Sviluppomanageriale.it Tramite il rilevamento del tuo indirizzo IP mostrano la pubblicità più pertinente con i tuoi interessi. Tecnologie simili (quali cookie, web bacons e javascript) possono essere utilizzati dalle reti pubblicitarie di terze parti per misurare l’efficacia dei loro messaggi pubblicitari e per personalizzare il contenuto di tali messaggi.
Il sito www.Sviluppomanageriale.it e il suo amministratore non hanno alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze particosì come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. L’amministratore di questo sito non può quindi controllare le attività degli inserzionisti di questo blog. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser. Il sitowww.Sviluppomanageriale.it non utilizza cookie di profilazione propri ma queli presenti sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Occhiali da Vista SmartBuy Collection Faris 695 JISRN
.

UTILIZZO DI GOOGLE ANALYTICS IN QUESTO SITO

Come detto i cookie analytics sono considerati tecnici se utilizzati solo a fini di ottimizzazione e se gli IP degli utenti sono mantenuti anonimi. Informiamo l’utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics. Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Questi parametri vengono archiviati neiserver di Googleche ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida.Un utente può disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componenete aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari.

Si possono altresì

Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Main footer

La nostra esperienza

About Michael Page

Employer Centre

Page Personnel è parte di PageGroup. La società Page Personnel Italia SPA ha sede in Milano, 20123, via Spadari, 1, CF/P.I 12866070159